Indumenti di protezione contro la contaminazione radioattiva

La norma EN 1073-2:2002 specifica i requisiti e i metodi di prova per gli indumenti di protezione non ventilati che proteggono il portatore dalla contaminazione radioattiva sotto forma di particelle.

L'indumento deve essere:

  • progettato in modo da essere semplice da indossare, da togliere e ridurre al minimo il rischio di contaminazione. Può essere costituito da una o più parti e può essere dotato di un apparecchio di protezione delle vie respiratorie  per consentire al portatore di respirare in caso di guasto dell'alimentazione principale;
  • realizzato:
    • in materiali che presentino requisiti specifici di resistenza all'abrasione, alla rottura per flessione allo strappo, alla perforazione, alla fiamma;
    • con cuciture resistenti allo strappo ed alla permeazione e penetrazione di partticelle radioattive.

 Se presente, la visiera deve presentare requisiti di resistenza meccanica e ridotta distorsione della visione (la perdita dell´acutezza visiva non deve essere maggiore di due scale della tabella optometrica).

La classe di protezione globale dell'indumento è determinata con il test dei sette movimenti, svolto in cabina contaminata (come da prEN 943-1:2002 Allegato A) , in base ai risultati ottenuti, viene determinato il Fattore di Protezione Nominale (Fpn) dell'indumento (valori da 1 a 5, dove 5 è il massimo).

Il Fattore di Protezione Nominale (FPN) degli indumenti di protezione NON è confrontabile e NON si applica agli Apparecchi di Protezione delle Vie Respiratorie